...... piccolo diario......mese di gennaio 2014

martedì 4 febbraio

...nevischio e pioviggine nella notte, la mattinata si presenta con nevischio. Le temperature si sono un po' abbassate. Vedremo....

Con le immagini del ns. Mattia la giornata di ieri con l'impegno allo sgombero di parcheggi e allargamento della sede stradale.

lunedì 3 febbraio-pomeriggio

...pioviggine intermittente. Impossibile collegarsi con il meteo di Arabba,  il server è "intasato", probabilmente la giornata si svolgerà così. Incominciamo a guardarci attorno e prendiamo atto della situazione "ammucchiata".

 

 

Con le immagini del nostro Mattia la mattinata con i Vigili del Fuoco e Protezione Civile che operano per lo sgombero neve.

Occorre dare atto che la ns. ditta De Bettin, appaltatrice dello sgombero invernale, si è spesa al massimo in questa situazione eccezionale.

lunedì 3 febbraio

...pioggia insistente nella notte e in questo primo mattino...

domenica 2 febbraio-sera

...pioggia insistente per tutto il pomeriggio, vedremo la notte...

 

                                                 ...questa via Costa oggi pomeriggio >>>

domenica 2 febbraio

Giornata incerta, a tratti spunta anche un pallido soleggiamento. In paese si approfitta della tregua per sistemare le cose, sia nel privato che nel pubblico. La pioggia di ieri ha "impattato" molto la neve tanto che al vedere non sembra eccezionale ma di fondo rimane il peso che non cambia anzi, c'è da sperare che non geli e che possa scaricarsi nelle grondaie. Le notizie dal centro meteo di Arabba non sono tanto confortanti vedi :

http://www.arpa.veneto.it/previsioni/it/html/meteo_dolomiti.php

Con le immagini del nostro Mattia vediamo la serata di ieri sera:

sabato 1 febbraio 2014

Nel pomeriggio pioggia, un gran "pantano" nelle strade interne. La viabilità per Santo Stefano è buona, è arrivata la Protezione Civile con un piccolo mezzo e una fresa. Domani dovrebbero arrivare anche i Vigili del Fuoco per creare spazi all'interno delle vie. A Santo Stefano è arrivato un grande mezzo, pala meccanica e camion dell'esercito, richiesto dalla Prefettura di Belluno. Insomma gran movimento per rimettere le cose in sesto.

sabato 1 febbraio 2014

Giornata interlocutoria, si alternano pioggia, neve, tentativi di schiarita. Speriamo che quella che è stata definita dalla stampa "bomba d'acqua" (per noi neve) sia in esaurimento. Intanto abbiamo ancora molto da fare....

sabato 1 febbraio 2014

La temperatura si è un po' alzata e allora nella notte neve mista a pioggia quindi un modesto apporto in quantità.

La luce ogni tanto "scricchiola" ma pare reggere.

Sembra che la giornata possa svolgersi in questa maniera. Vedremo...

venerdì 31 gennaio - pomeriggio/sera.

Un po' di tregua al momento, domani si vedrà.

Questo il nostro ambiente....

venerdì 31 gennaio - ore 13

Nevica con meno intensità rispetto alla notte ma chi è disponibile ed è in grado sta sui tetti.
Scarichiamo la neve anche sulla sede stradale, l'Ufficio tecnico del Comune è informato ma risponde che al momento non sono disponibili mezzi per il ripristino  immediato. Aspetteremo!
Il centro meteo di Arabba prevede (e difficilmente sbaglia):

AVVISO METEO: Fino a domenica precipitazioni estese e a tratti intense, più consistenti venerdi e sabato e sulle zone montane, pedemontane e pianura nord-orientale, ancora con quantitativi abbondanti o localmente molto abbondanti. Ulteriori nevicate abbondanti in montagna, con quota neve in rialzo fino a 1500-1700 sulle Prealpi e 1000-1400 sulle Dolomiti tra venerdì e sabato, poi in contenuto abbassamento domenica.

venerdì 31
Previsioni per il pomeriggio di oggi. Tempo perturbato con cielo coperto e precipitazini diffuse (80/100%), a tratti discontinue sulle Prealpi occidentali, moderate o anche forti in particolare sulla provincia di Belluno, più deboli a Ovest. La quota neve si assesterà attorno ai 1500/1700 m sulle Prealpi, e potrà risalire sulle Dolomiti localmente fino a 1200/1500 m, soprattutto in caso di attenuazione dell'intensità. Entro la mezzanotte saranno possibili ulteriori 20/50 mm, anche fino a 70/80 mm sulle Prealpi orientali, con 20/40 cm di neve fresca oltre i 1700/1900 m.

Tempo previsto

sabato 1. Ancora condizioni di tempo perturbato, con fenomeni diffusi ancora abbondanti su molti settori, anche se un po' più contenuti del giorno precedente.
Precipitazioni. Diffuse (80/100%), perlopiù moderate e a tratti forti su alcuni settori soprattutto in provincia di Belluno, anche continue sulla maggior parte dei settori. Quota neve attorno ai 1500/1700 m, temporanemante anche 1800 m su Prealpi, a 1000/1300 m, temporaneamente fino 1400/1500 m su Dolomiti, specie durante le fasi di minore intensità, in possibile lieve calo dal pomeriggio. Saranno possibili ulteriori 30/60 mm, anche 80/100 mm su alcuni settori prealpini, con 30/65 cm di neve fresca oltre i 1700/1900 m.
Temperature. In ulteriore lieve aumento specie in quota. Su Prealpi a 1500 m min 1°C max 3°C, a 2000 m min -2°C max 0°C. Su Dolomiti a 2000 m min -2°C max 0°C, a 3000 m min -8°C max -5°C.
Venti. Nelle valli deboli o moderati meridionali; in quota moderati/forti da Sud, a 20-35 km/h a 2000 m, 45-65 km/h a 3000 m.

domenica 2. Ancora tempo perturbato con cielo molto nuvoloso/coperto e fenomeni spesso diffusi, ma più deboli del giorno precedente.
Precipitazioni. Diffuse, perlopiù deboli, a tratti moderate (80/90%); limite della neve in progressivo abbassamento fino sui 1100/1400 m, a quote anche più basse, fino sugli 800/900 m nelle valli dolomitiche chiuse durante le fasi più intense, soprattutto in serata.
Temperature. In lieve calo, con minime alla sera in quota. Su Prealpi a 1500 m min 0°C max 1°C, a 2000 m min -2°C max -1°C. Su Dolomiti a 2000 m min -3°C max -2°C, a 3000 m min -9°C max -7°C.
Venti. Nelle valli deboli o moderati meridionali; in quota moderati/forti da Sud-Est, in attenuazione, a 10-20 km/h a 2000 m, 25-50 km/h a 3000 m.

Tendenza

lunedì 3. Cielo sempre molto nuvoloso/coperto, con fenomeni perlopiù deboli, solo a tratti moderati sulle Prealpi, specie occidentali, in attenuazione a partire da Nord. Limite della neve a 800/1200 m.

martedì 4. Cielo da nuvoloso a molto nuvoloso/coperto, con probabile ripresa delle precipitazioni al pomeriggio/sera, perlopiù deboli, con limite della neve attorno ai 700/1000 m. Previsore: G.M. Aggiornamento Dolomiti Neve e Valanghe: 31/01/2014

venerdì 31 gennaio - ore 8.00

...siamo ad 1mt. ....(vado sul tetto a spalare!)

venerdì 31 gennaio - ore 4,30

Cronaca di una giornata sicuramente impegnativa.

Di buon mattino guardiamo la situazione. Da ieri sera alle 18 si sono aggiunti altri 60 cm. di neve, in totale da ieri a mezzogiorno siamo attorno agli 80 cm.. La giornata si presenta sicuramente come impegnativa per chi vive qui la situazione. La nuova attrezzatura, fresa, che la ditta De Bettin ha messo in funzione da quest'anno svolge egregiamente la funzione di creare un varco nelle strade strette, per quanto riguarda i tetti sicuramente oggi saliremo in cima per alleggerirli. Ognuno sa nelle sue abitazioni quali sono i punti critici: legnaie, sporgenze a sbalzo, tetti piatti e magari di una certa dimensione, ecc. per cui si partirà da questi. Il problema si pone sui lati fronte strada, butteremo la neve in strada? Sarà l'ultima soluzione ma probabilmente arriveremo a questo naturalmente a scapito della viabilità. Vedremo chi comincia!
La luce ogni tanto "scricchiola" pertanto l'aggiornamento della pagina sarà compatibile con la situazione.

giovedì 30 gennaio - ore 18

...da mezzogiorno abbiamo circa 15 cm. di neve fresca. Neve "asciutta" quindi leggera. Continua a nevicare, domani mattina vedremo...

giovedì 30 gennaio - mezzogiorno

Incomincia a nevicare....vedremo...

Allarme neve... (nei giorni scorsi qualcuno in paese ha incominciato a scaricare i tetti di legnaie o tetti piatti di abitazioni, cosa succederà da domani richiederà attenzione...)

...così si legge dal sito Arpav-Dolomiti meteo:

giovedì 30. Tempo perturbato con cielo coperto e precipitazioni diffuse (80/100%), da deboli, al mattino, a moderate/forti, nella seconda parte della giornata. Limite neve inizialmente a fondovalle, in rialzo, anche abbastanza rapido su Prealpi occidentali, più tardivo su Prealpi bellunesi e, soprattutto, su Dolomiti. A fine giornata la neve potrà cadere oltre i 1000/1300 m su Prealpi, anche più in alto su Prealpi veronesi, sui 600/900 m su Dolomiti.
Precipitazioni.
Temperature. In generale aumento, marcato in quota. Su Prealpi a 1500 m min -6°C max 0°C, a 2000 m min -8°C max -2°C. Su Dolomiti a 2000 m min -8°C max -3°C, 3000 m min -13°C max -8°C.
Venti. Nelle valli deboli/moderati dai quadranti meridionali; in quota moderati/forti meridionali, a 20-40 km/h a 2000 m, 20-50 km/h a 3000 m.

venerdì 31. Tempo fortemente perturbato con precipitazioni diffuse (100%), continue, moderate o forti. In serata possibile, parziale attenuazione dei fenomeni. Limite della neve in rialzo progressivo fino sui 1300/1600 m su Prealpi, sui 1000/1300 m su Dolomiti, solo a fine giornata. Fra giovedì e venerdì potranno cadere indicativamente 80/130 cm di neve fresca oltre i 1200/1500 m su Dolomiti, oltre i 1400/1700 m su Prealpi.
Precipitazioni.
Temperature. In ulteriore aumento. Su Prealpi a 1500 m min 0°C max 3°C, a 2000 m min -3°C max -1°C. Su Dolomiti a 2000 m min -4°C max -1°C, 3000 m min -8°C max -6°C.
Venti. Nelle valli deboli o moderati dai quadranti meridionali; in quota moderati/forti meridionali, a 25-45 km/h a 2000 m, 45-55 km/h a 3000 m.

Tendenza

sabato 1. Prosegue il periodo di maltempo. Precipitazioni diffuse; non si esclude siano deboli al mattino, per intensificarsi nuovamente al pomeriggio/sera. Temperature in ulteriore lieve rialzo. Limite neve sui 1000/1300 m su Dolomiti, 1200/1500 m Prealpi.

...e così si legge dal sito "IL Gazzettino.it :È in arrivo la "bomba" di neve - Scuole chiuse e allarme viabilitàBELLUNO -È allarme neve in tutta la provincia di Belluno, dove sarebbe in arrivo un'altra vera e propria "bomba" di neve.
Secondo alcune previsioni, domani pomeriggio si potrebbe arrivare anche a un massimo di 12-14 centimetri di neve fresca all'ora. Come dire che in poco più di sei ore si potrebbe sfondare il metro di altezza. Ma la bufera dovrebbe durare fino a sabato, il che prospetta una situazione davvero difficile, al punto che diversi sindaci della parte alta della provincia hanno già deciso in via preventiva di tenere chiuse le scuole per due giorni. Al di sotto dei 5-600 metri di quota dovrebbe però piovere, il che fa supporre che almeno a Belluno e Feltre la viabilità non registri problemi.

Oggi il il ricordo di Anna scomparsa ieri sera vicino a Milano. Le righe su questa pagina perchè il ricordo va oltre la personale amicizia che mi lega alla famiglia, ma Pino, Anna, Silvia e fam. da "sempre" curano il sito di Costalta e sono stati nel tempo, di una disponibilità totale alla collaborazione nelle iniziative paesane,  nello scambio di suggerimenti e materiale fra coloro che portano "i nostri piccoli paesi" vicino alla gente che qui ha origini, casa, passione.

Ciao Anna!

Riccardo

...neve abbondante che copre anche i "luoghi della memoria".

...sposata a Campitello ma  la sua origine è a Costalissoio.

 

martedì 28 gennaio

La "sveglia" con più di 20 cm. di neve fresca. Questa volta neve bella, farinosa, leggera, ...le temperature sono cambiate, all'orizzonte spunta il sole.

...la Regola si cautela...

sabato 25 gennaio 2014

Giornata di sole pieno e allora per immagini..."il nostro inverno".

venerdì 24 gennaio

Nella notte una "spruzzata" di neve. Le previsioni danno tempo in miglioramento anche per il fine settimana.

...aggiornata la pagina "50 anni fa" con le notizie dell'anno 1964 riportate nel Bollettino Parrocchiale cliccare >>>qui<<<

lunedì 20 gennaio - pomeriggio

E' ritornato il sole...speriamo che duri!

...finalmente buone notizie per il nostro Comelico.

...un articolo sul "Corriere delle Alpi" Redazione di Belluno

Una pioggia da 11 milioni sul Comelico

Siglato l’accordo per il fondo Brancher; i soldi andranno per la quasi totalità al collegamento sciistico con la Pusteria

di Stefano Vietina

COMELICO SUPERIORE. E' la notizia che tutto il Comelico aspettava: è stato formalizzato il finanziamento del fondo Brancher di 10 milioni per gli impianti sciistici che collegheranno Padola con Passo Montecroce, un tratto fondamentale di quel Giro delle Cime con gli sci (30 km) che sta progressivamente prendendo forma in collaborazione con la Pusteria. Lo conferma il sindaco Mario Zandonella Necca.
«Venerdì», spiega, «ho firmato presso a Verona le convenzioni per due importanti progetti. Uno riguarda il completamento della struttura a servizio degli impianti sportivi e sviluppo dei percorsi ciclabili a San Nicolò per di 980.000 euro, per il quale Comelico Superiore è capofila in quanto comune confinante; l'altro riguarda il collegamento delle aree sciabili Comelico-Alta Pusteria, che vale 16.161.000 euro, di cui 10 di finanziamento pubblico e 6.161.000 di cofinanziamento privato. Ora serve che la Provincia autonoma di Bolzano versi le quote relative alla graduatoria 2012».
E i tempi?
«La convenzione fissa tre anni per concludere i lavori, a far data dal versamento da parte delle Province autonome di Trento e Bolzano. E questo dovrebbe essere imminente considerando che, a seguito degli accordi Durnwalder-Del Rio, la legge di stabilità 2014 prevede una nuova organizzazione di gestione del fondo, che dovrà poi dare il via alle annualità 2013-2014 e seguenti».
Ottimismo quindi per questo primo intervento, che riguarda la realizzazione di un impianto di risalita e di una pista, con relativo impianto di innevamento artificiale, nel tratto Valgrande-Sesto Pusteria, attraverso Passo Montecroce. Un ulteriore finanziamento sarà richiesto nel bando 2013 per il completamento Valgrande-Padola con le necessarie infrastrutture a servizio, come i parcheggi interrati, la viabilità d'accesso e l'approvvigionamento energetico ed idrico.
«Un primo fondamentale obiettivo lo abbiamo dunque raggiunto», chiude soddisfatto Mario Zandonella Necca, «ponendo le condizioni per garantire prospettive di rilancio dell'intera area del Comelico».
Le graduatorie relative al bando 2012 del Fondo Brancher erano state pubblicate il 29 luglio 2013: quattordici progetti finanziabili per oltre 31 milioni. A fare la parte del leone proprio il Comune di Comelico Superiore con i suoi due progetti finanziati. Nei progetti del primo Fondo Brancher, la richiesta era stata di una trentina di milioni, ma non aveva avuto alcun seguito. Poi è stata rimodulata, con successo, per adeguarsi alle nuove norme del secondo bando, ed era stato così predisposto un progetto stralcio, dal titolo “Collegamento aree sciabili Comelico - Hochpustertal – Asset 1.0” per un importo complessivo, appunto, di 16.161.000 euro, di cui 10 milioni di contributo pubblico e i rimanenti di cofinanziamento privato, assicurato dalla società Nuova Alta Val Comelico, che fa parte della Sextner Dolomiten guidata dall'imprenditore Franz Senfter. E sulla domanda di contributo il Comune di Comelico Superiore aveva anche ottenuto il sostegno formale di vari comuni del comprensorio, della Cm Comelico e Sappada, del Consorzio turistico Val Comelico-Dolomiti e di varie associazioni di categoria. L'altro intervento finanziato dall'O.d.I. riguarda il completamento dell'area sportiva - palazzetto ed altre attrezzature - in località Lacuna di San Nicolò, con il collegamento della stessa a mezzo piste ciclabili con il Comune di Comelico Superiore.

domenica 19 gennaio

ore 11 - Pioggia...gran "pantano" sulle strade, ma a questo punto meglio così! Se avessimo avuto in questi giorni temperature basse e quindi neve ci ritroveremo con difficoltà. Certo in quota, ma dobbiamo andare sui 1.900 mt. , troviamo neve abbondante ma anche li è estremamente "sciroccosa".

...dopo Sappada  (iter in fase avanzata), anche Comelico Superiore come altri comuni confinanti con l'Alto Adige tenta...
...articolo sul "Corriere delle Alpi" redazione di Belluno.

Comelico Superiore, referendum il 30 marzo

Ok dal Consiglio dei Ministri ha approvato per indire nel Comune di Comelico Superiore il referendum consultivo per il distacco dal Veneto

COMELICO SUPERIORE. Il Consiglio dei Ministri ha approvato oggi un decreto presidenziale che indice nel Comune di Comelico Superiore il referendum consultivo per il distacco dal Veneto e l'aggregazione al Trentino-Alto Adige. Questo, ricorda una nota del Cdm, a seguito dell'ordinanza del 12 novembre 2013 dell'Ufficio centrale per il referendum presso la Corte di Cassazione, su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri. I comizi sono convocati per domenica 30 marzo 2014.
Arriva, per il presidente del Veneto Luca Zaia meglio tardi che mai. «Si conferma» dice Zaia «una volontà dei cittadini già accolta da tempo dalla Regione. Non tifo perché i Comuni se ne vadano ma rispetto questa volontà e credo» prosegue il presidente, «che se anche uno solo dei 581 Comuni del Veneto riuscisse a saltare il fossato e ad andare nel giardino dell'Eden, aprirebbe la strada all'inevitabile richiesta degli altri 580».
Comelico Superiore, ricorda la note ufficiale della Regione Veneto, è noto anche per ospitare le terme più alte d'Europa, a 1300 metri di quota. Sulle Dolomiti le Terme di Valgrande sono una realtà da 10 anni, continua la nota, grazie ad un'operazione supportata dal contributo economico della Regione Veneto e dell'Unione Europea in un'area di grande pregio paesaggistico e ambientale. Sul referendum infine Zaia ricorda di «aspettare da anni questo passaggio formale, ma si tratta di una guerra tra poveri».

In realtà le terme sono chiuse da oltre un anno e non è ancora nota la data di riapertura.

venerdì 17 gennaio - mezzogiorno

Nevischio...5-6 cm. di neve.

sera: poco più...

...il sig. Mauro P. scrive:

Le  invio qualche foto  tra quelle più significative
dopo aver passato un fine settimana epifanico e a dir poco spettacolare in quel di Federa


 ...grazie al sig. Mauro per essere partecipe della vita paesana.
 

mercoledì 15 gennaio

Si dice, ed è vero, che questo inverno finora è stato mite. A parte i disagi del periodo natalizio, pian piano, compreso una trentina di cm. di ieri, la neve non ci manca.
Neve pesante a cui speriamo non si aggiunga altra di questo stampo altrimenti.....ci sarà da lavorare....

...il sig Lorenzo E. così scrive:

 (un residente dei weekend). Desideravo inviarle la foto in allegato per la particolarità della posizione assunta dalle fiamme,  sembra una vera strega..   

 

...una curiosità di cui ci fa partecipi....grazie!

martedì 14 gennaio

Nevica, ma non più di tanto. A mezzogiorno 15cm. di neve piuttosto pesante perchè le temperature "sono alte" per il periodo.

... concerto coretto DO-RE-MI-alla pagina con foto e minifilmati su youtube di Mattia Cesco>>>
domenica 12 gennaio 2014

(Concerto di beneficenza "Un aiuto alle Filippine")

Appendice delle manifestazioni paesane previste per il periodo natalizio e rimandato causa il maltempo del 27 dicembre, ieri sera abbiamo avuto la possibilità di apprezzare il canto limpido, scintillante, come lo è quello dei giovanissimi, del coro DO-RE-MI di Auronzo. Chiesa al completo, anche per la presenza di numerosi familiari degli appartenenti al coro, canti a sfondo religioso riferiti al Natale, hanno entusiasmato per bravura tutti i presenti.
Un coro, ci è parso tutto al femminile, di bambini/ragazzi dai 3 anni in su e verso i più piccoli la naturale simpatia anche per la compostezza che hanno tenuto per tutto il tempo. Apprezzato l'accompagnamento e la direzione di Claudio Vecellio Reane che ha saputo mettere assieme e mantenere nel tempo un numeroso gruppo che ha meritato il successo ben al di fuori dei nostri piccoli confini.

Bravissimi!!!

 

...tratto dal web...

Il Coretto DO RE MI di Auronzo di Cadore è nato nel gennaio 1997 su iniziativa di Claudio Vecellio Reane, attuale direttore. Alla nascita il Coretto era composto da 12 bambini. In questi anni sono entrati a far parte del Coretto oltre 200 bambini e attualmente è composto da una quarantina di elementi che coprono una fascia di età dai 5 ai 15 anni. L’attività principale del Coretto DO RE MI consiste nel solennizzare le celebrazioni liturgiche in occasione delle più importanti festività nelle tre Parrocchie di Auronzo di Cadore. Ogni anno, assieme al Corpo Musicale del paese, un soprano e un tenore, partecipa ai “Concerti di Natale” che vengono effettuati ad Auronzo e in altre località del comprensorio cadorino. Il Coretto DO RE MI ha cantato inoltre in diversi Santuari d’Italia (Monte Grisa di Trieste; S.S. Vittore e Corona di Feltre; Monte Berico e santuario Grotta di Lourdes a Chiampo in provincia di Vicenza; Pietralba di Bolzano; San Romedio di Trento; Madonna della Corona e Nostra Signora di Lourdes di Verona; Beata Vergine delle Grazie di Udine e santuario Maria Immacolata sul monte Nevegal di Belluno). Ha animato delle celebrazioni e tenuto dei concerti nelle chiese di Rovereto (Trento), di San Giacomo di Veglia (Treviso), di Strà (Venezia), di Tambre d’Alpago (Belluno), di Brunico (Bolzano) e Bressanone. Il Coretto DO RE MI ha inoltre eseguito un concerto nella cappella della Beata Vergine Maria di Lourdes di Cortina d’Ampezzo in occasione del 150° anniversario dell’apparizione della Madonna a Lourdes e ha avuto anche un’esperienza all’estero animando una celebrazione a Klagenfurt in Austria. Da alcuni anni canta in diretta su “Radio Maria” nella trasmissione “Un’ora di spiritualità con Radio Maria” e ha accompagnato i canti durante la S.Messa andata in onda in diretta su “Rete 4″ nel programma “La domenica del villaggio” tenutasi ad Auronzo di Cadore. Nel gennaio 2007 il Coretto ha festeggiato i suoi 10 anni di attività con l’incisione del suo primo cd intitolato “La pace chiediamo…”, che raccoglie 18 brani i quali fanno ripercorrere idealmente le tappe più significative di un cammino musicale caratterizzato da un lodevole impegno per la promozione dei valori umani e cristiani più profondi. Nel luglio 2007 ha partecipato a un concerto in onore di Sua Santità Papa Benedetto XVI a Lorenzago di Cadore e nel luglio 2009 ha cantato alla presentazione della squadra della Lazio in ritiro ad Auronzo di Cadore.

...un aggiornamento con video su youtube...

Natale 2013 - Capodanno 2014

Con le immagini di Mattia Cesco... le manifestazioni

Arriva Babbo Natale - il 28 dic. 2013  >>>cliccare sull'immagine
Aspettando il 2014                               >>>cliccare sull'immagine
4 gennaio 2014

coro SOL LA RE  e l'ensamblé vocale “EL MELOPEO” (Padova) diretti dal Maestro I. Vazzoler.     >>>cliccare sull'immagine x video su youtube

Fiaccolata e "Bruda la vecia" 5 genn. 2014           >>>cliccare sull'immagine

                          ...immagini e video su youtube

...ritornando al 19 ottobre 2013 - manifestazione inaugurazione piazza e parco...

...con un minivideo di Mattia Cesco su YouTube  - in chiesa  per applaudire l'orchestra "La Sorgente"

                                                                                                                    cliccare sull'immagine >>>>

 "Fai più bello il tuo paese"-Costalissoio si prepara...   >>>cliccare sull'immagine

Marco P. & C.(VE-abitante le seconde case) ha soggiornato in paese ed ha condiviso con noi le manifestazioni paesane di questo periodo.
La sua testimonianza con alcune immagini che ci ha inviato.

Grazie Marco & C. !

...il maltempo di sabato e domenica scorsi ha lasciato ancora strascichi di disagio.
...dal "Corriere delle Alpi" edizione di Belluno

val visdende

Due valanghe sulla strada residenti e turisti isolati

SAN PIETRO. Una quarantina di persone, tra residenti e una decina di turisti (tutti italiani, in gran parte padovani) sono bloccati in Val Visdende, in Comune di San Pietro di Cadore. La zona è isolata da sabato notte a seguito di due slavine che hanno reso impraticabile la strada comunale che collega la zona alla strada regionale 355 che da Santo Stefano porta a Sappada.

L’ordinanza di interdizione al transito, fino a località Cima Canale, emessa dal Comune di San Pietro e da Veneto Strade è stata motivata dal rischio di nuove slavine ed è stata presa a seguito dei sopralluoghi effettuati ieri dai vigili del fuoco di Santo Stefano. A bloccare la strada, più precisamente, due valanghe: una più grossa (abbattutasi sabato notte), di circa 200 metri cubi, e una più piccola (sganciatasi ieri mattina), di circa 80 metri cubi. Pompieri che, tuttavia, già nella mattinata odierna, dopo un’ulteriore verifica, tenteranno di aprire, ma solo per i mezzi di soccorso, un varco con l’utilizzo di una ruspa.

A ieri sera risultavano isolate circa 40 persone: una trentina di residenti e una decina di turisti italiani, in gran parte padovani, tutti ospiti dell’agriturismo Pra Marino, posizionato a circa 1300 metri di quota. «Abbiamo luce, acqua e riscaldamento, nessuna emergenza al momento», si affrettano a tranquillizzare i titolari della struttura. Ci hanno informato della slavina che ha bloccato la strada e che domani tenteranno di riaprire la strada. Noi aspettiamo, ma anche i turisti sono tranquilli».

Clima tranquillo anche tra i residenti e ai 1686 metri dell’agriturismo Malga Dignas. «Qui siamo in tre, gli ultimi turisti se ne sono andati ieri mattina (sabato, ndr)», precisano i titolari. «Non ci sono problemi, abbiamo luce, riscaldamento e da mangiare». (ma.ce.)

domenica 5 gennaio 2014

Ci risiamo!  Da ieri neve ma sopratutto pioggia creano disagio alla circolazione ma sopratutto danneggiano quei pochi giorni che avrebbero dovuto dare una mano a quel turismo che da noi già fatica di per sé.

 sabato 4 gennaio 2014

Grazie al nostro Diego Pomarè Montin abbiamo partecipato anche quest'anno  "al bel canto"  in paese.

Chiesa gremita da compaesani ma si è evidenziata anche la partecipazione degli abitanti le seconde case. Due cori si sono esibiti, in parti singole e "nell'assieme": coro SOL LA RE  e l'ensamblé vocale “EL MELOPEO” (Padova) diretti dal Maestro I. Vazzoler.

Applausi prolungati a dimostrazione del gradimento di tutta "la platea".

...dall'archivio parrocchiale di Candide          cliccare  >>>qui<<<

aggiornata la pagina di  "pillole di storia" NOTIZIE STORICHE  n. 29         dal 1817 al 1824

Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio

Servizio Centro Meteorologico di Teolo
 

Stazione Costalta
Provincia BELLUNO

Valori giornalieri nel periodo 01/12/2013 - 31/12/2013

 

Data (gg/mm/aa) Temp. aria
a 2m
(°C)
Pioggia
(mm)
  med     min     max   tot
01/12/13 -2.5 -6.8 4.6 0.0
02/12/13 0.8 -3.8 8.8 0.0
03/12/13 1.7 -1.5 10.6 0.0
04/12/13 1.9 -1.9 10.6 0.0
05/12/13 1.8 -2.6 8.5 0.0
06/12/13 1.5 -3.9 6.9 0.0
07/12/13 0.6 -2.6 6.6 0.0
08/12/13 -2.2 -4.9 3.7 0.0
09/12/13 0.2 -5.0 5.2 0.0
10/12/13 4.3 -0.4 11.2 0.0
11/12/13 1.5 -1.5 10.1 0.0
12/12/13 1.9 -1.1 8.8 0.0
13/12/13 1.5 -1.6 10.0 0.0
14/12/13 1.6 -2.1 8.8 0.0
15/12/13 1.0 -2.0 7.8 0.0
16/12/13 1.7 -2.0 8.8 0.0
17/12/13 1.3 -1.8 7.7 0.0
18/12/13 0.3 -2.8 4.5 0.0
19/12/13 -0.8 -4.5 2.9 0.0
20/12/13 0.4 -1.6 3.4 0.0
21/12/13 1.1 -1.8 6.7 0.0
22/12/13 1.6 -0.5 3.9 0.0
23/12/13 1.9 0.0 6.6 0.0
24/12/13 1.8 0.4 3.9 0.0
25/12/13 1.4 -0.2 3.0 19.6
26/12/13 0.4 -0.2 1.4 110.2
27/12/13 0.6 -1.3 3.4 0.0
28/12/13 -0.2 -2.8 4.1 0.0
29/12/13 0.8 -0.1 2.3 3.0
30/12/13 -1.8 -4.8 0.8 0.0
31/12/13 -4.0 -6.7 1.4 0.0