...... piccolo diario......mese di febbraio 2016

lunedì 29 febbraio

Pioggia mista a neve, gran pantano.

Al pomeriggio previsto un miglioramento.

domenica 28 febbraio

Nevica....un po'. Neve pesante, attualmente, ore 10, circa 10 cm.. Le previsioni danno maltempo fino a domani ma probabilmente alla quota del nostro paese non avremo grandi apporti. Vedremo...

...ore 18....pioggia!

venerdì 26 febbraio

Oggi la campana ha suonato per la scomparsa della nostra De Mario Bortolina

Era ospite presso la casa di soggiorno di S.Stefano ed aveva 88 anni.

 

Venerdì 26 febbraio alle ore 20.30, ad Algudnei verrà proiettato il film

 di Mario Monicelli La grande guerra con Alberto Sordi e Vittorio Gassman.
 

Una piccola anteprima a questo link
[https://www.youtube.com/watch?v=-QNs-Ur8ITA]

Vi aspettiamo numerosi!

 

giov. 26 feb.

Sole e tiepido, la notte qualche spolverata di neve.

Costalissoio si muove?

LE DONNE “in Regola”

Finalmente non soltanto si parla ma si mette mano ad una situazione che si adegua alla legge costituzionale che dispone la parità di sesso. La soluzione non è facile ma almeno pare “si sposti di un gradino” con le proposte di cui si parla. Certo ancora non ci siamo del tutto e ci si chiede: è legittimo che la discendenza sia solo per cognome della famiglia originaria? Le donne regoliere che vivono in paese o nel Comune, che sono sposate con un non appartenente alla “casta regoliera” non daranno vita a regolieri!

Certo si pongono diversi contesti ma ancora non ci siamo, bisognerà andare oltre (così penso io…. Riccardo).

(Lo ribadisce anche Giancarlo De Rigo Plaina nell'articolo  (sotto) dedicato alla Regola di Costa).

 

Dal settimanale “L’Amico del Popolo” un articolo a firma M.Dib.

Cortina – Le donne e i giovani, le regole riflettono.  Nella domenica in albisl’assemblea generale si esprimerà con il voto.

…..

“Sono iscritti al catasto generale delle Regole d’Ampezzo (le regole sono più di una) tutti i figli, maschi e femmine, discendenti dal consorte regoliere purché portino il solo cognome e soprannome (*) della famiglia originaria avente diritto, e che siano residenti a Cortina d’Ampezzo”.

In questo modo si riconosce alla donna, figlia di regoliere, ogni diritto: la trasmissione avviene solamente se i suoi figli porteranno cognome e soprannome iscritti al catasto dei consorti regolieri. I figli naturali riconosciuti , legittimati, adottivi, maschi e femmine, sono equiparati ai figli legittimi.

*(a Costalissoio in molti hanno rinunciato al soprannome di famiglia)

********

Da “Il Gazzettino” pagina Cadore-Comelico un articolo a firma Yvonne Toscani

SAN NICOLO’ – L’argomento sarà affrontato nel consiglio di domenica

LA REGOLA DI COSTA APRE ALLE DONNE

ANTICOSTITUZIONALE L’esclusione delle donne dalla Regola è considerata una discriminazione.

Continua, in Comelico, il , dibattito sull’apertura delle Regole alle donne, tantoché, in molti casi, l’argomento sta approdando nelle varie assemblee generali come accadrà domenica a Costa. Ma dell’eventuale inserimento delle donne già si parlava nel 1971, con il varo della legge sulle Regole, come ricorda Giancarlo DeRigo Plaina già presidente della locale Comunione famigliare, per oltre un ventennio. «I veri artefici della legge - spiega l'ex caporegola - il professor Roma­ gnoli e l'avvocato Trebeschi, in più occasioni, ebbero a dire che le donne possono essere inserite nelle Regole, con dirit­ to di voto e facoltà di programmare, decidere ed amministrare». Per De Rigo Plaina alcune Regole si stanno muovendo sulla strada auspicata, anche se resta ancora da percorrere un tratto per completare il percorso della reale parità sancita dalla costituzione. «È inconcepibile - continua il già presidente - escludere l'inserimento della donna coniugata con regoliere che porti altro cognome, non quello del casato, considerandola solo come soggetto riproduttivo. I figli di questa sono regolieri dalla nascita e chi li ha concepiti no. Solo quando resterà vedova diventerà regoliera, ma prima di essere tale è stata sicuramente coniugata». La Regola di Costa già nel 1985, con la redazione del nuovo statuto, ha previsto che gli iscritti, impossibilitati a partecipare alle assemblee, possano delegare la moglie. «Questa possibilità - aggiunge Giancarlo De Rigo Plaina - è già stata usufruita anche da donne con un cognome non originario del casato». Ed anche sui figli di madre nubile, di cui portano il cognome, l'ex caporegola ha le idee chiare: «Qui, da decine d'anni, abbiamo risolto questo problema. Pensiamo a due bambini con lo stesso cognome, seduti nello stesso banco a scuola, uno è regoliere e l'altro no? Sono cose che fanno tremare il sangue nelle vene. È, quindi, il momento che questo riconoscimento sia dato con l'inserimento effettivo e reale delle donne in Regola».

Yvonne Toscani

*************************

LO STATUTO ATTUALE DELLA REGOLA DI COSTALISSOIO COSI' RECITA:

QUALIFICA DI REGOLIERE
        Sono considerati Regolieri, e quindi, iscritti nella anagrafe della Regola, purché residenti anagraficamente e di fatto nel Comune di S.Stefano di Cadore, i seguenti
discendenti in linea paterna degli antichi originari:
a) - il coniugato o il vedovo con o senza prole che faccia una propria famiglia;
b) - i figli maschi legittimi o legittimati o riconosciuti dal Regoliere, giuridicamente capaci, che abbiano compiuto il 18° anno di età;
c) - la vedova del Regoliere aventi figli di cui almeno uno maschio a carico e finché dura lo stato di vedovanza o finché il figlio maschio abbia compiuto il 18° anno di età;
d) - il tutore dei minorenni ed interdetti, figli maschi di Regoliere morto.
          La qualifica di Regoliere si acquisisce pertanto:
1) - per nascita da discendenti, in linea maschile legittimi o legittimati o riconosciuti appartenenti a famiglie Regoliere quando abbiano i requisiti di cui alle lettere a) e b) del
presente articolo;
2) - per disposizione statutaria, nei casi di cui alle lettere c) e d).

Finalmente neve e sole per una "ciaspolada" anche nei dintorni del paese.

mercoledì 17 febbraio-pomeriggio

Tempo in miglioramento, le temperature si sono alzate e la neve è più pesante. Circa 35 cm. di neve nuova. Un po' di disagio ma è tutto nella norma.

 

mercoledì 17 febbraio-mattino

"La neve c'è!"...e anche l'inverno. Nella notte circa 25 cm. di neve asciutta. Vedremo in giornata....intanto andiamo a spalare!

L'articolo è tratto, in parte, della pagina "Cultura e Spettacoli" de "L'Amico del Popolo" dell'11 febbraio 2016

 

La Grande Guerra a S.Pietro di Cadore

Un nuovo libro di Musizza e De Donà dedicato alla guerra in Comelico.

 

............

 

A riscoprire i tanti aspetti di un conflitto che imperversò sulla comunità di S. Pietro giunge ora il nuovo libro curato da Giovanni De Donà e Walter Musizza, "Grande Guerra, Grandi Dolori - Operazioni militari e popolazione civile nel primo conflitto mondiale a S. Pietro di Cadore e in altre zone del Comelico» (Ed. Dbs, Seren del Grappa). Il testo è stato fortemente voluto dall'Amministrazione comunale guidata dal sindaco Elisabetta Casanova Borea, col sostegno della Regione del Veneto, dell'Unione Montana Comelico e Sappada presieduta da Alessandra Buzzo e dai Gruppi Alpini di S. Pietro e Costalta con i presidenti Loris De Zolt e Igor Casanova.

Musizza e De Donà, giovandosi della collaborazione di un gruppo di volontari coordinati da Silvia Soravia, subito impegnatisi nella ricerca di ogni fonte reperibile in loco, hanno studiato una gran mole di documenti dell'archivio comunale di S. Pietro e del Museo Storico della Guardia di Finanza di Roma, integrandoli con preziose testimonianze della tradizione orale raccolte da Amedeo De Bernardin Gaina.

Le fotografie, per lo più inedite, sono state fornite dal Museo Storico della Guardia di Finanza di Roma, da Maria Cipriani, dal fotografo Paolo Terzi e dagli stessi autori.

Il libro sarà presentato il prossimo 20 febbraio, alle 16, presso Palazzo Poli De Poi a S. Pietro di Cadore, con l'intervento, oltre che degli autori, del giornalista Bepi Casagrande in qualità di moderatore, del Coro Comelico, del presidente del Comitato «Ta Pum - il Cammino della memoria» Walter Pilo, che sta lavorando per far riconoscere l'iniziativa dal Consiglio d'Europa, e del maggiore Leonardo Landi, Comandante della Compagnia della Guardia ai Finanza di Cortina d'Ampezzo, curatore scientifico e membro del comitato organizzatore della recente mostra «La Guardia di Finanza nella Grande Guerra 1915-18 - Il lungo cammino verso Vittorio Veneto» tenutasi a Palazzo Ducale a Venezia la scorsa estate.

Come ha sottolineato il sindaco Elisabetta Casanova nella prefazione, l'intendimento primo del libro è quello di recuperare la memoria personale e collettiva della comunità per tributare finalmente il giusto riconoscimento a tutti gli uomini e alle donne di S. Pietro coinvolti in tante sofferenze. Un debito d'onore e di dignità sociale che andava doverosamente saldato e che dovrebbe tradursi in un rinnovato impegno comune per costruire un futuro migliore.

 

domenica 14 febbraio

Giornata fredda e uggiosa, probabilità di attraversare tutto il paese senza "incontrà anma viva".

A mezzogiorno le campane suoneranno a festa per la nomina del nostro nuovo Vescovo.

Da "Il Gazzettino":

Monsignor Renato Marangoni è il nuovo vescovo di Belluno e Feltre: il vicario per la pastorale della diocesi è stato inviato da papa Francesco a sostituire monsignor Giuseppe Andrich che lascia per raggiunti limiti d'età. Ordinato sacerdote nel 1983, Marangoni è nato a Crespano del Grappa, nell'area trevigiana della diocesi di Padova, nel 1958. Tra gli altri incarichi, è stato assistente in seminario minore, direttore del collegio universitario Gregorianum, moderatore del consiglio presbiterale diocesano e segretario del secondo Convegno ecclesiale triveneto ad Aquileia nel 2012.

...sul "tabelon"...

Finalmente ambiente invernale            

mercoledì 10 febbraio 2016 - pomeriggio

                     1minuto e mezzo  ...video su youtube      cliccare >>>>

 

mercoledì 10 febbraio

Nella notte una decina di cm. di neve, oggi a tratti nevischio.

Neve bella, asciutta, darà sicuramente (era ora) il tono invernale al nostro ambiente.

Mascrada d Santa Plonia - Dosoledo            

il 7 febbraio 2016

                                                 ...video su youtube      cliccare >>>>

                                                     selezionare 720p HD-modalità cinema >>>

 

 

 

lunedì 8 febbraio

Dopo una giornata piovosa le temperature che si sono abbassate nella notte hanno portato una decina di cm. di neve sciroccosa.

domenica 7 febbraio 2016

Ieri la scomparsa della nostra Celestina. Era la vedova di Zaccaria Germano

 

avvenimenti di 50 anni fa ....... 1966

...questi gli accadimenti e gli argomenti di cui si parla in quest'anno, tratti dal:

Bollettino Parrocchiale " STELLA ALPINA"  redatto da don Aurelio Frezza

.... per "non dimenticare".

...è l'anno della grande alluvione...

                                                                                                                                                                                            cliccare >>>

 

foto concessa dalla fam. Polzotto G.

Sul "Corriere delle Alpi" di oggi si legge la disavventura in danno del nostro don Diego Soravia.

pieve di cadore

I ladri rubano la Golf dell’arcidiacono

Il sacerdote l’aveva parcheggiata alla sera davanti alla canonica. La macchina era aperta e con le chiavi nel cruscotto

...per chi vuol leggere l'articolo cliccare sul link sotto...

http://corrierealpi.gelocal.it/belluno/cronaca/2016/02/04/news/i-ladri-rubano-la-golf-dell-arcidiacono-1.12891248?ref=hfcabler-1

giovedì 4 febbraio

Ieri pomeriggio-sera la pioggia si è trasformata in neve, pochi centimetri che hanno imbiancato il nostro ambiente.

Oggi strade gelate per la temperatura in discesa e leggero venticello, il sole che si presenta sistemerà le cose.

Il passaggio a Costalissoio della Mascrada d' San Valentin                    

il 31 gennaio 20                     ...video su youtube      cliccare >>>>

...caricato da Mattia Cesco

 

Il passaggio a Costalissoio della

     Mascrada d' San Valentin                    

il 31 gennaio 2016

                                                 ...video su youtube      cliccare >>>>

                                                     selezionare 720p HD-modalità cinema >>>

Il passaggio a Costalissoio della

     Mascrada d' San Valentin

il 31 gennaio 2016

                           ...una pagina di immagini dedicata..       cliccare >>>>

(seguiranno filmati su youtube)

Pillole di storia del mese di gennaio 2016...

Tratto dal libro "GUERRA E RESISTENZA IN CADORE"

di Walter Musizza e Giovanni De Donà

cliccare sull'immagine >>>

 

Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio

Servizio Centro Meteorologico di Teolo
 

Stazione Costalta
Provincia BELLUNO

Valori giornalieri nel periodo 01/01/2016 - 31/01/2016

 

Data
(gg/mm/aa)
Temp. aria
a 2 m
(°C)
Pioggia
(mm)
med min max tot
31/01/16 2.5 0.3 6.9 0.0
30/01/16 0.8 -2.8 4.9 0.0
29/01/16 2.5 -1.5 10.6 0.0
28/01/16 1.3 -2.5 8.6 0.0
27/01/16 3.5 -0.5 8.6 0.0
26/01/16 6.2 2.4 13.7 0.0
25/01/16 4.5 -1.4 13.8 0.0
24/01/16 0.8 -3.4 7.2 0.0
23/01/16 -1.9 -8.6 5.9 0.0
22/01/16 -6.2 -10.2 -0.4 0.0
21/01/16 -4.5 -8.5 2.6 0.0
20/01/16 -6.8 -11.4 0.6 0.0
19/01/16 -9.8 -13.1 -3.2 0.0
18/01/16 -8.7 -12.3 -2.6 0.0
17/01/16 -5.6 -8.9 -1.6 0.0
16/01/16 -5.1 -8.1 -0.8 0.0
15/01/16 -3.3 -6.8 2.0 0.0
14/01/16 -4.4 -7.5 -0.2 0.0
13/01/16 -2.1 -5.2 2.6 0.0
12/01/16 -0.7 -3.7 2.6 0.0
11/01/16 2.0 0.0 3.6 15.2
10/01/16 1.0 -0.7 2.6 3.2
09/01/16 -0.2 -3.0 2.8 6.8
08/01/16 -1.5 -6.0 3.8 0.0
07/01/16 -2.8 -6.3 2.1 0.0
06/01/16 -3.0 -6.0 2.9 0.0
05/01/16 -3.9 -6.3 -0.1 0.0
04/01/16 -2.3 -4.4 1.6 0.2
03/01/16 -1.6 -4.4 3.5 0.6
02/01/16 -2.3 -4.9 0.4 0.0
01/01/16 0.1 -3.4 7.8 0.0