Il nostro bosco attorno al paese.

Una passeggiata in cerchio attorno al paese era: un tempo di ambiente, di serenità, di beneficio per lo spirito.

Dopo l'ondata di maltempo il tentativo di fare questo giro si ferma a metà per impossibilità fisica di proseguire. Nasce su questo percorso l'angoscia per una situazione che si presenta come di difficile soluzione. Anche per noi indigeni, abituati da sempre a frequentare questi nostri boschi, che abbiamo visto soffrire come in occasione delle grandi nevicate, mai avremmo immaginato una situazione così impressionante. Si recupererà la parte commerciale ma perchè le future generazioni (fra cent'anni) possano veder ricrescere quanto perso occorrerà fare la pulizia di quanto rimane a terra, a quando questo.....?  Angoscia!

Le immagini seguono il percorso dalle "Piazzolette" lungo la strada bianca che è stata in parte resa percorribile (a piedi- intervento a cura della Regola) per poi fermarsi a "Tabiosto" dove è impossibile scendere lungo la strada asfaltata o fare il giro per "Corul".

Le immagini essendo "piatte" non rendono ciò che effettivamente insiste.

...franata parte della sede stradale asfaltata... 
 
...in discesa dopo Tabiosto, su strada asfaltata, impossibile proseguire, occorrerà attendere l'intervento in atto.