...... piccolo diario......mese di maggio 2016

Una pagina dedicata all'inaugurazione dell'affresco presso la sala polifunzionale della Regola di Costalissoio.

                                                                                                                  cliccare sull'immagine >>>>

domenica 29 maggio

Inaugurato questa mattina l'affresco presso la sala polifunzionale della Regola di Costalissoio.

Presente l'Amministrazione Regoliera e quella Comunale.
Il Parroco don Paolino con un breve rito ha benedetto....

Realizzato dal "Gruppo frescanti del Comelico".

L'opera che rappresenta le attività del passato, con colori vivi, ben si adatta alla sala e la impreziosisce.

Prossimamente una pagina dedicata con immagini e commento.

Venerdì 27 maggio alle ore 20,30, ad Algudnei il Coro SoleNote ci accompagnerà in "Una serata di note in Canto".
Il coro "SoleNote Choir" nasce nella primavera del 2014 dalla passione per il canto di un gruppo di persone provenienti da tutto il Cadore dalla Val Boite al Comelico.
E' un coro polifonico misto composto da una ventina di elementi e il suo repertorio spazia dallo spiritual, al gospel e new gospel, alla tradizione musicale africana ed ai canti popolari e vari in lingua africana ed inglese. Tutti i canti vengono eseguiti a cappella.
La direzione del coro è di Agnese Molin.
 

....sul "tabelon"

Domenica 22 maggio 2016

Festa della SS. Trinità, "sagra parrocchiale" (un tempo), oggi chiesa semibuia come le nostre case, manca "la corrente" per lavori che l'enel svolge sulle nostre linee.
Poca la partecipazione alla Messa, poche le presenze degli abitanti delle seconde case, il coro parrocchiale ha comunque animato la Messa con canti anche senza l'organo.

Così i tempi!

Bella giornata, calda e piena di sole.

Alcune notizie che ci riguardano e che troviamo su quotidiani e settimanali locali. 

Verso il pellegrinaggio a Mafria Luggau

Domenica 19 giugno si terrà il tradizionale pellegrinaggio a piedi dal Comelico al santuario austriaco di Maria Luggau.
La partenza con itinerari consueti, due gruppi: dalla Val Digon attraverso Cima Vallona e dalla Val Visdende attraverso il passo Dignas.
Attorno alle 9 il ritrovo presso il laghetto dove i due gruppi si incontreranno per procedere assieme. Previsto l'arrivo a Luggau alle 14.30 e la Messa alle 15.30.
Per il rientro è disponibile un pullman. Prenotazioni entro il 10 giugno. Info al 34714057791 / 3332842279 / 0435650118 email pellegrinaggioaluggau@gmail.com

******

Autovelox mobile sperimentale per sei mesi con supporto di una ditta esterna per conto del Comune di Santo Stefano di Cadore.
Il Comune vuol garantire più sicurezza sul tratto stradale che da S.Stefano va verso Campolongo. Il dispositivo è montato su autovettura e quindi difficile da identificare finchè non si arriva in prossimità.
Considerando che anche il Comune di S.Pietro da tempo interviene con gli stessi controlli, dobbiamo abituarci a non superare i 50km h da S.Stefano a Presenaio.

Per chi vuol leggere l'articolo sul "Gazzettino"

http://www.ilgazzettino.it/nordest/belluno/santo_stefano_cadore_autovelox_mobile-1735137.html

*****

Torna l'ambulatorio pediatrico presso la struttura distretto ULSS in via D.Alighieri a S.Stefano.
Dopo quindici anni di assenza del servizio dal territorio i bambini e le famiglie del Comelico e Sappada, dal prossimo mese di luglio, potranno contare sulla presenza di un pediatra.

Sabato 21 maggio alle ore 21.00 presso il museo Algudnei di Dosoledo, andrà in scena lo spettacolo di letture e decantazioni dal vivo di poesie con accompagnamento musicale “La poesia nel mondo e nel tempo”. Un sublime viaggio del pensiero con i versi di svariati autori provenienti da ogni angolo del pianeta e da ogni tempo, da Omero a Saffo, da Baudlaire a Pessoa, da Leopardi a Pascoli e a Neruda, e tanti altri, per un elegante ed appassionato tributo alla poesia, una delle espressioni comunicative più eccelse mai concepite dall'uomo.
L'evento vedrà per la prima volta la straordinaria collaborazione culturale dell'intero territorio dell'Alta Provincia di Belluno, per un' "asse ideale" che unirà le realtà artistiche da Cortina d'Ampezzo al Comelico, passando per il Cadore. Infatti, a dare voce ai versi saranno gli attori delle compagnie teatrali: Fontana Conta (Domegge), Gruppo musicale di Costalta, I Comelianti (S. Stefano), Lavori in Corso (Pieve) e Teatrando (Cortina), con l'accompagnamento musicale a cura di Lorenzo Tonon.
Presenta la serata Alessandro Zandonella M.
Ingresso gratuito.
Organizzazione a cura del Club Poesia e Teatro di Pieve di Cadore, della Biblioteca civica di Pieve e del Gruppo Ricerche Culturali di Comelico Superiore, in collaborazione con il gruppo teatrale I Comelianti.
Informazioni sul sito www.icomelianti.it.
 

 

martedì 17 maggio

Oggi la campana ha suonato per la scomparsa del nostro De Mario Croz Severino

aveva circa 78 anni

La DBA (De Bettin Associati) ( http://www.dbagroup.it/ ) è una realtà aziendale con "radici a Costalissoio" ( vedi pagina su questo sito http://www.costalissoio.it/sitovech/dba.htm).

Bortolo De Bettin e Luciana De Mario appartengono a questo paese e così pure i loro figli: Francesco, Raffaele, Stefano, Daniele. La loro casa di origine e a Costalissoio e in paese, quando possono, frequentano le loro case. I genitori ora vivono a S.Stefano dove si trovano anche una parte degli uffici aziendali.

Sono orgogliosi della loro appartenenza a questa terra che ha trasmesso quei valori che esprimono, anzi lo mettono evidenza, nei consessi a cui partecipano (vedi sotto).

Noi siamo orgogliosi di loro! (Riccardo)

Per chi ha piacere di seguire una parte dell'intervento di Francesco De Bettin al convegno tenutosi a Treviso 11 maggio 2016 "Italia per le imprese"                                cliccare sull'immagine >>>>

Riporto con piacere, il riferimento è all' EXPO 2015 - ottobre, il testo confidenziale che a suo tempo mi era stato inviato da Francesco che proponeva una serie di filmati.....

.......sono relativi ad una conferenza a cui ho partecipato come testimonial all’Expo a Milano e che rappresentava il clou dell’annuale riunione dell’Associazione Italiana delle Aziende Familiari, fondata da Alberto Falk molti anni fa e nella quale sono raggruppate tutte le principali aziende italiane guidate da nuclei famigliari a noi tutti noti (Fiat, Gruppo De Benedetti, Mediaset, Unicem Buzzi, ecc.). Io non sapevo nemmeno che esistesse un club del genere (che raggruppa il 19% del PIL italiano) e sono stato cooptato come testimonial all’ultimo momento, per accompagnare l’Amministratore Delegato del Fondo Italiano di Investimento (il nostro socio). infatti tutti gli altri partecipanti erano corazzati di slide e presentazioni mentre io sono arrivato a Milano con “la pancia ed i denti” ed ho mentalmente organizzato il mio intervento mentre gli altri parlavano.
Puoi vedere e sentire ciò che con umiltà ho raccontato ........
Propongo,  per chi ha piacere, di seguire una parte del filmato (22-24 ottobre 2015). Anche in questo viene espresso da Francesco l'appartenenza alla nostra terra.

 

 Sull' Amico del Popolo del 5 maggio 2016 uno stralcio della storia raccontata da Giovanni De Donà.

 

1915, De Mario conquista il Chiadenis

La cinquantenne guida comeliana fu protagonista dell'azione alpinistica

 

.........

 

30 agosto il Magg. Piva, dopo aver studiato l'accesso al Chiadénis, ordinò al S. ten. Douglas del Batt. Dronero, che con la guida comeliana Valentino De Mario e 3 alpini, scalassero la cima. Il 1° settembre la pattuglia si arrampicò e con una scala di corda superò la cresta sopra il Passo Sesis affacciandosi sotto l'anticima sud-est. Da qui videro penzolare una corda lasciata dagli austriaci per salire e scendere. I nostri attesero la notte e poi salirono sull'anticima, a quota 2443.

Verso le 19 della stessa sera una pattuglia austriaca, in procinto di salire, fu respinta a fucilate e i nostri restarono lassù fino all'8 settembre resistendo ai tiri avversari.
Sull'episodio, sempre Rossaro, scrive in proposito: «Egli (Valentino) aveva avuto anche l'alto merito di salire per primo il Monte Ciadénis. Un ufficiale, ottimo rocciatore, aveva tentato di scalare il monte nell'unico punto riparato, ma non aveva potuto salire oltre il Pulpito - un roccione che ne impediva l'accesso col suo strapiombo. Il colonnello (mi pare fosse il colonnello Piva) chiamò il De Mario: <Tu dici che si può salire il Ciadenis di qui - Siorsì - Bada che il tenente X è bravissimo e non è riuscito ad andare oltre il Pulpito - Mi sior colonelo, " ghe son anda de note, con un saco de tabaco su la schiena e i canarini che i me sbarava drio».

E salì difatti: poi, con la corda, aiutò a salire un ufficiale, che venne ferito dagli Austriaci del Ciadénis; tornò indietro, si caricò il ferito, scese. Poi risalì, aiutò a salire altri, e a sera telefonava abbasso domandando se i Tedeschi, che erano lassù, dovevano essere portati vivi o se bastava coparli».

Il 12 settembre, a Sappada, Valentino fu lodato ed encomiato dal Magg. Piva: «Per questo fatto, De Mario aveva avuto duecento lire di premio e cinque giorni di licenza. Che bevuta!». Infatti il nostro per festeggiare prese una sbornia colossale. Scrive Rossaro: «... passando davanti a una cappella votiva nella quale erano ef­figiati in brutti pupazzi un gruppo di legionari e giudei che trascinavano un Cristo sanguinante, come il grande Cavaliere dalla triste figura, si infervorò di sdegno e cominciò gridando: Porchi tedeschi, lasse quel pòro Taglian o che mi ve copo tuti!
E, dato mano al fucile si mise a sparare all'impazzata poi, saltato il recinto, a menar botte su quei poveri pupazzi di cui fece una rovina. Accorsero naturalmente borghesi, carabinieri e soldati, ma il vecchio prese a inveire contro tutti quegli imboscati e i superiori che li mantenevano e tutti i traditori, tanto che con fatica venne disarmato e arrestato, quindi, dati i suoi precedenti, allontanato dall'esercito, come pericoloso, senza fargli processi».
In suo aiuto intervenne direttamente il Cap. Coletti presso il Gen. Venturi affermando che «... il De Mario è un'ottima guida che, avendo fatto per 40 anni il contrabbandiere, conosce tutte le valli e i passi alla perfezione e può rendere utilissimi servigi ed essere un uomo prezioso...». Sta di fatto che il nostro continuò  la sua preziosa collaborazione coi Volontari, indossando di nuovo e in più occasioni la divisa e partecipando a pericolose operazioni, sempre con grande intelligenza e coraggio.

Giovanni De Donà

giovedì 12 maggio

Mattinata con pioggia insistente, il pomeriggio tempo in miglioramento, la neve è rimasta in alto e la temperatura è discreta.

Venerdì 13 maggio alle ore 20.30, ad Algudnei verrano illustrati i risultati delle ricerche svolte da Rupert Gietl e Daniela Zambelli sulle zone di guerra tra Col Quaternà e Col Rosson.
Le ricerche sui resti della Prima Guerra Mondiale sono state eseguite con nuove metodologie all'interno di un progetto proposto dal Gruppo di Ricerche Culturali e finanziato dalla Regione del Veneto. Tutti gli esiti di questo progetto stanno confluendo nella nuova sezione del Museo Algudnei dedicata appunto al conflitto che un secolo fa ha coinvolto in nostro territorio.
Vi aspettiamo numerosi!

 

...sul "tabelon"...

La"curta"- strada comunale che da Costalissoio porta a S.Stefano.
Un tempo un sentiero ora una strada agricolo-poderale che ci ha "portato a piedi" a fondo valle per tutte le nostre necessità: scuola, municipio, mercato, partenza dei mezzi per le valli comunicanti, ecc..

                                              una pagina dedicata - cliccare sull'immagine>>>>

Riaperta la strada per Costalta interessata da lavori nei giorni scorsi.
Un esbosco sotto la strada, sempre sulla provinciale per Costalta, amplia l'orizzonte panoramico e sarà ancora più soleggiata in inverno.
Poco oltre, ancora lavori di stabilizzazione della sede stradale che sono quasi ultimati ma che non comportano la chiusura al transito.

Gentilissimi,

dopo il grande successo dell'edizione 2015, riparte il Concorso Letterario "Comelico - Fiore di Montagna" 2016.

In allegato comunicato stampa con i dettagli dell'iniziativa.

Con la preghiera di darne massima diffusione, cogliamo l'occasione per ringraziarvi.
Cordiali saluti.
Lara Zandonella Piton

Consigliere Comunale
cell. 333 3530404


Comune Santo Stefano di Cadore
Istruzione Cultura Turismo
Piazza Roma, 38
32045 Santo Stefano di Cadore (BL)
www.santostefanodicadore.info
Pagina Facebook
 

Dopo il successo straordinario dell'edizione "zero" dello scorso anno, un breve promo su youtube per l'edizione "uno" del 2016.

Il video cliccando sull'indirizzo sotto:

https://www.youtube.com/watch?v=qQYlsYhJJO4&feature=em-subs_digest

Per chi vuol rivedere l'edizione "zero" dello scorso anno cliccare sull'indirizzo sotto:

https://www.youtube.com/watch?v=gCn1FXHMR5w

 

 

sabato 30 aprile

La classe 1936 ha voluto festeggiare, assieme ai familiari, il traguardo raggiunto nella chiesa di Costalissoio.

La messa celebrata alle 11 da don Paolino è stata accompagnata dal coro paesano.

Tra i coscritti del basso Comelico i nostri Antonio Pomarè e Giuseppe De Mario.

Auguri!!!!

...dal Comune di Santo Stefano di Cadore

 

Buongiorno,

nell'ambito della 2° edizione della rassegna OLTRE LE PORTE 2016,ideata dal Comune di Santo Stefano di Cadore (BL)per invitare le persone ad uscire dalla quotidianità e ritrovarsi insieme a conoscere ed esplorare nuovi mondi ed esperienze, vi informiamo del prossimo evento in programma:

--> giovedì 5 maggio 2016, alle ore 18,00 presso Tennis Bar - viale Papa Luciani 12 a Santo Stefano, Paolo Tormen presenta il suo libro LA CURA. IN VIAGGIO NELLA CAMPAGNA BELLUNESE SULLE TRACCE DELLA VITA CONTADINA, edito da KELLERMANN EDITORE.

Incontreremo l'autore per parlare di agricoltura, allevamento e tradizioni in montagna in collaborazione con Tennis Bar e Kellermann Editore.

Con la preghiera di darne massima diffusione, restiamo a disposizione per ulteriori informazioni.
Cordiali saluti.

Lara Zandonella Piton
 

 

Domenica 24 aprile 2016 l'inizio del ministero pastorale.

Una rappresentanza di Costalissoio ha salutato il nuovo Vescovo.
 

Una pagina dedicata.

                                                     cliccare sull'immagine >>>>

Si "rinforza" la linea elettrica "sulla Costa". Il cavo viene interrato.

 

Pillole di storia del mese di maggio 2016...

Tratto dal libro "GUERRA E RESISTENZA IN CADORE"

di Walter Musizza e Giovanni De Donà

cliccare sull'immagine >>>

 

Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio

Servizio Centro Meteorologico di Teolo
 

Stazione Costalta
Provincia BELLUNO

Valori giornalieri nel periodo 01/04/2016 - 30/04/2016

 

Data
(gg/mm/aa)
Temp. aria
a 2 m
(°C)
Pioggia
(mm)
med min max tot
29/04/16 3.7 -2.5 10.4 0.0
28/04/16 -0.7 -5.8 3.1 0.0
27/04/16 -0.7 -5.2 3.9 21.2
26/04/16 0.8 -2.7 4.6 1.2
25/04/16 1.2 -3.0 5.7 0.0
24/04/16 2.3 -1.0 5.5 1.6
23/04/16 6.8 5.5 9.5 2.8
22/04/16 9.6 5.7 15.9 0.0
21/04/16 9.4 3.8 16.7 0.0
20/04/16 7.5 -0.1 15.2 0.0
19/04/16 7.4 2.5 14.0 4.6
18/04/16 7.6 4.6 13.5 2.6
17/04/16 7.9 5.5 12.1 11.6
16/04/16 9.1 6.1 14.5 0.8
15/04/16 6.5 1.5 12.7 0.0
14/04/16 5.9 1.5 12.0 6.4
13/04/16 8.8 3.7 14.1 9.0
12/04/16 8.8 4.2 14.0 0.0
11/04/16 8.9 4.2 15.9 0.0
10/04/16 7.7 3.7 13.3 0.0
09/04/16 5.0 3.3 7.1 7.4
08/04/16 4.9 3.7 6.6 24.6
07/04/16 7.5 4.7 11.6 1.8
06/04/16 9.4 3.9 16.2 0.0
05/04/16 9.4 3.0 16.7 0.0
04/04/16 8.7 2.6 16.9 0.0
03/04/16 8.0 2.8 15.3 0.0
02/04/16 8.0 3.0 15.1 0.0
01/04/16 7.6 3.4 12.9 0.0