...... piccolo diario......mese di luglio 2017

martedì 1 agosto

Data
(gg/mm/aa)
Temp. aria
a 2 m
(°C)
Pioggia
(mm)
med min max tot
31/07/17 18.9 10.7 28.4 0.2

Dati meteo ARPAV STAZ. COSTALTA

 

Giornate calde e senza pioggia. Favorito il turismo in quota specialmente lungo il tragitto dei rifugi della vicina Pusteria.

Presenze sopratutto "tedesche" il nostro turismo di massa si aprirà la settimana prossima con le ferie aziendali.
In paese abbastanza presenti, durante la settimana, gli appartenenti alle seconde case, meglio nei fine settimana.

 

 

(Klambach-Nemes)

venerdì 4 agosto 2017 a S.Stefano di Cadore

 

VITA nelle VIE

Dalle ore 21.00 alle ore 23.00 spettacoli e intrattenimento

nel centro di Santo Stefano chiuso al traffico

e con tutti i locali ed esercizi commerciali  aperti.

 

mercoledì 2 agosto alle 20.30 in Largo Calvi n. 4 a Padola
 

 

La storia geologica delle montagne più belle del mondo.

Relatore: Ugo Scortegagna - Geologo e Operatore Naturalistico CAI.

 

La Regola di Costalissoio, con approvazione della Assemblea Regoliera,  ha appaltato alcuni lavori alla "Baita" in località Piazzolette. Al momento è completato il "cappotto" isolante ma sono stati appaltati anche i lavori di impiantistica, serramenti/porte, almeno per la parte che riguarderà bar-ristorante, per locali in mansarda/camere si aspetterà un po'.
Difficilmente la parte ristorazione sarà pronta per fine anno ma non si sa mai....

Cari amici di Algudnei, domani venerdì 28 luglio alle ore 20,45 il fotografo Paolo Croci ci presenterà, attraverso le sue immagini, la sua personale visione del Comelico.
A seguire le sue parole ed una breve biografia.
Vi aspettiamo numerosi per avere una visione dall'esterno della nostra valle e proprio in un momento di grandi scommesse sul futuro!

Le mie stagioni in Comelico
A livello fotografico, almeno per quanto riguarda la fotografia che io ho fatto da più di 45 anni, la foto di montagna non mi aveva mai interessato più di tanto, ma questo concetto è completamente cambiato da quando nel 2010 ho iniziato a frequentare con assiduità la montagna e precisamente il Comelico e San Pietro di Cadore, venendo a viverci sempre più spesso.
Le camminate nei boschi, le passeggiate per i paesi montani, i paesaggi, le sue luci e le sue ombre mi hanno rapito e affascinato e attraverso il mezzo fotografico cerco di rappresentare la mia visione del Comelico, una vallata che è rimasta abbastanza integra,  dove si può trovare uno stretto contatto con la natura e nella quale ci si immerge; proprio queste caratteristiche cerco di evidenziare  riprendendo il territorio in diverse stagioni, sempre preso dalla sua bellezza e non riuscendo più a lasciare che un tramonto, un’alba, una nevicata, un improvviso temporale, uno qualsiasi di questi elementi della natura,  non venga da me catturato fotograficamente trasmettendo così con l’immagine l’emozione che mi coinvolge.
 
Biografia
Paolo Croci è nato a Venezia Marghera nel 1951, dove attualmente risiede. Dalla fondazione del suo Fotoclub (L’Immagine - anno 1983 ed ora Marghera Fotografia - dal 1998) dà inizio ad una intensa attività culturale con al centro la fotografia; come autore opera prevalentemente in bianconero con stampa personale; nell’ambito dei generi fotografici, predilige il reportage, la street photography, foto di paesaggio,  il concettuale e il ritratto. Ha al suo attivo oltre cento esposizioni, da singolo ed in collettiva, in Italia ed all’estero (Arles, Graz, Rovigno, Aix en Provence), ottenendo apprezzamenti dal pubblico e dalla critica. Molte le riviste che hanno pubblicato sue immagini e non solo in quelle del settore. Nel 1987 ha esposto al Sicof di Milano una serie di foto su Ritratto di famiglia, premiate a vari concorsi nazionali. Queste immagini sono conservate presso la Fototeca  Nazionale FIAF di Torino. Il calendario Nikon del ‘92 comprende una sua foto scelta nell’ambito del concorso N.P.C. International ’91. E’ stato curatore di una trentina di Fotofestival e di oltre 300 mostre (collettive e personali fotografiche di vari autori) in diverse sedi del territorio Veneto ed all’estero.
 

nell'ambito della rassegna culturale Oltre le porte organizzata dal Comune di Santo Stefano di Cadore che per l'edizione 2017 ha come filo conduttore il viaggio in tutte le sue sfaccettature, vi invitiamo alla presentazione di

VERSO LA SORGENTE di EDOARDO FRASSETTO
il racconto di un viaggio a piedi dalla foce alle sorgenti del Piave

sabato 29 luglio 2017 presso la Sala Polifunzionale della Regola di Casada - h. 21.00


L'evento è realizzato in collaborazione con:
- Biblioteca Comunale di Santo Stefano
- Reteventi Provincia di Belluno



Con la preghiera di diffondere l'invito ai vostri contatti, ringraziamo
 
Cordiali saluti.
Lara Zandonella Piton

 
Consigliere Comunale
 

 

 

 

Giada è una "teenager" che vive a Mirandola (MO) ed è la nipote del nostro Carlo Somià. Carlo che frequenta la sua casa di Costalissoio in alcuni periodo dell'anno, ha saputo trasmettere anche ai suoi famigliari l'amore per il paese di Costalissoio e gli ambienti che lo circondano.
Ci fa partecipi di questa testimonianza della nipote Giada

Casetta di Visdende...

VAL VISDENDE

Se devo descrivere un luogo scoperto grazie a mia mamma il primo che mi viene in mente è Val Visdende, una valle alpina del Comelico situata tra Santo Stefano di Cadore e Sappada.

La prima volta che sono stata in Val Visdende avevo solo un anno e da allora è diventata una gita obbligatoria ogni anno che andiamo in montagna.

È un luogo completamente immerso nel verde dove pascolano libere alcune mucche, diversi cavalli e qualche asinello.

Quando ero più piccola era possibile fare brevi passeggiate a cavallo, affiancati dagli esperti. Erano previsti due percorsi: uno per i più piccoli che attraversava il grande prato e un altro per gli adulti passante per il bosco e dava la possibilità di vedere il fiume Piave. Purtroppo da un paio di anni non è più possibile fare queste cavalcate.

Quando si arriva in questo luogo ogni problema o preoccupazione se ne va e ci si sente semplicemente in pace con se stessi. A ogni respiro l’aria fresca e pulita di montagna riempie i polmoni e la brezza fresca rende il clima davvero piacevole.

Difficilmente vi passano macchine e uno dei pochi veicoli che girano qui è il furgoncino dei gelati. Sono presenti poche costruzioni, adibite a bar e stalla per le mucche.

Sparse in mezzo al verde troviamo diverse panchine in legno con al centro un tavolo per chi volesse riposarsi e mangiare.

Inoltre è possibile affittare per un giorno la casetta di legno fornita di cucina, bagno e camere da letto.

In un angolo del grande prato si trova una piccola chiesa con il tetto spiovente chiamata “Madonna delle Nevi”. È aperta a chiunque voglia entrarvi, che si voglia pregare o semplicemente ammirare quella particolare costruzione.

Il 12 luglio del 1987 nella chiesa venne celebrata una messa dall’allora papa, Giovanni Paolo II.

L’edificio è stato restaurato pochi anni fa a causa di una forte nevicata che ne sfondò il tetto.

Val Visdende non è troppo lontano dalla nostra casa a Costalissoio e passando per Santo Stefano di Cadore lo raggiungiamo in circa venti minuti.

Con la mia famiglia visitiamo questo posto ogni estate e mio nonno vi scatta tantissime foto.

Mi sarebbe sempre piaciuto visitare questo luogo in inverno ma purtroppo, a causa della neve, viene spesso chiuso.

Consiglierei a chiunque questa visita perché non si vedono tutti i giorni paesaggi come questi.

Non è mai stato difficile convincermi ad andarci, in quanto è tra i posti che più mi piacciono.

Val Visdende è una delle mete preferite dalla mia famiglia è il fatto che mia mamma mi ci porti sempre ha per me un grande significato. È come se avesse tramandato a me le sue tradizioni.

chiavi della casetta di Visdende

 

il Comune di Santo Stefano di Cadore presenta la

SETTIMANA BIANCA - dal 24 al 30 luglio 2017 una settimana dedicata al latte e ai suoi derivati!

Il programma propone:
- degustazione MENU' BIANCO
- eventi speciali
- possibilità di visitare gli alpeggi della Val Visdende
 

Siamo lieti di invitarvi a gustare le prelibatezze bianche!
Grazie di diffondere l'invito ai vostri contatti.

 
Cordiali saluti.
Lara Zandonella Piton
 

 

lunedì 24 luglio - pomeriggio

Giornata di variabilità. Al mattino i temporali hanno lasciato spazio ad alcune ore di sole, oggi pomeriggio si ripresenta il maltempo.

Il bilancio meteo di questa prima parte dell'estate è senz'altro positivo, giornate calde e serene salvo alcuni giorni dove al tardo pomeriggio abbiamo avuto scrosci di pioggia.

Il bel tempo ha favorito una buona presenza di turisti, anche i gestori dei rifugi si dichiarano soddisfatti. La Val Visdende, nostro riferimento, fa il pienone tutti i fine settimana. In paese "il numero" lo fanno gli abitanti delle seconde case, insomma un paese che vive.

Il saluto del nostro Vescovo ai turisti.

Dal "Corriere delle Alpi" un articolo di Stefano Vietina.

 

Il sindaco: «Sveglia Comelico, l’occasione è unica»

Staunovo ha incontrato la cittadinanza per spiegare il progetto: «È ora di muoversi, questo treno passa una volta sola»

...per chi vuol leggere l'articolo....il link sotto...

 http://corrierealpi.gelocal.it/belluno/cronaca/2017/07/22/news/sveglia-comelico-l-occasione-e-unica-1.15640957?ref=hfcablea-1

Buone notizie per il turismo nel nostro Comelico.
Dal "Corriere delle Alpi":

Firma per il carosello sciistico tra Alta Pusteria e Comelico

Costerà 38.5 milioni di euro, 26 arrivano dai fondi di confine, 11.5 dai privati e un milione dal comune di Comelico Superiore.

....il link....sotto..

 http://corrierealpi.gelocal.it/belluno/cronaca/2017/07/20/news/firma-per-il-carosello-sciistico-tra-alta-pusteria-e-comelico-1.15636551?ref=hfcablea-1

Cari amici di Algudnei, domenica prossima 23 luglio alle ore 20,45 Italo Zandonella Callegher ci presenterà in anteprima il suo ultimo lavoro dal titolo "1915 1918. La Grande Guerra in Comelico".
 
"Italo Zandonella Callegher, storico dell’alpinismo dolomitico, accademico e socio onorario del CAI, racconta la grande guerra in Comelico nel suo ultimo libro fresco di stampa per Edizioni DBS.
Il volume, voluto dall’Associazione Algudnei, si propone come un racconto per parole e immagini dedicato a quanto accadde su parte del fronte Dolomitico tra il maggio del 1915 e il novembre del 1917 fra italiani e austro-ungarici e si chiude con note inedite sul 1918, l’anno della fame e dell’invasione".
Vi aspettiamo numerosi!

Cari amici di Algudnei, siamo a comunicarvi che la presentazione dei percorsi escursionistici della Val Comelico (geologia, natura e cultura) a cura di Lassù cooperativa di idee e del Consorzio Turistico Val Comelico organizzato per domani è rinviato a data da destinarsi.
Appena avremo la nuova data ve la comunicheremo immediatamente

 

il Comune di Santo Stefano di Cadore organizza la 1° edizione del concorso 

BALCONE FIORITO

partecipazione dal 15 luglio al 15 agosto 2017 - riservato ai residenti delle quattro frazioni del Comune di Santo Stefano 

Partner del concorso è la Fioreria ELLEDI di Santo Stefano di Cadore


Grazie di condividere tra i vostri contatti.....del Comune di Santo Stefano! 
 
Cordiali saluti.
Lara Zandonella Piton

 
Consigliere Comunale
 

 

nell'ambito della rassegna culturale Oltre le porte organizzata dal Comune di Santo Stefano di Cadore che per l'edizione 2017 ha come filo conduttore il viaggio in tutte le sue sfaccettature, abbiamo il piacere di invitarvi all'incontro

I RIDE FOR AFRICA
con GIOVANNI ARCANGELI che ci racconta di un viaggio nato per caso 

sabato 22 luglio 2017 presso la Sala Polifunzionale della Regola di Casada - h. 21.00


L'evento è realizzato in collaborazione con:
- Reteventi Provincia di Belluno



Con la certezza di incontrarvi, grazie di condividere l'evento tra i vostri contatti.
 
Cordiali saluti.
Lara Zandonella Piton

 
Consigliere Comunale
 

 

Sul "Corriere delle Alpi", quotidiano bellunese di sabato 15 luglio, per la larghezza di una pagina, è apparsa questa "pubblicità".
 Un bel omaggio al nostro paese.

Anche se anonimo nella stampa, in paese si sa essere stato commissionato (...e pagato) dal nostro De Mario Sartor Giancarlo.

Grazie Giancarlo!

martedì 18 luglio 2017

Animata la piazza di S.Stefano e chiesa stracolma per il concerto di cori nell'ambito della rassegna DOLOMITI SUMMER FESTIVAL.

Esibizione del:
Coro Comelico con 5 canti del suo miglior repertorio;

Coro Oltrepiave (con sede a Vigo di Cadore) con 4 canti in parte di Bepi De Marzi;

Coro "Ora è Tempo di Gioia" (di nome e di fatto), che con quattro canti ha dato una "sferzata di allegria" con musica ritmata africana accompagnata da percussioni. Molto apprezzato....

Schola Cantorum Lar di Roma Schola Cantorum della Libera Accademia di Roma corale a voci miste, composta da circa 70 cantori non professionisti ma con esperienza corale e musicale e 

Cor Nomentum di Roma (30 elementi) che in singolo e poi uniti in un unico gruppo hanno presentato  come polifonico - a quattro voci miste: soprani, contralti, tenori e bassi, quattro canti che hanno entusiasmato tutto il pubblico presente.

Nell'immagine lo scambio di doni al termine di una serata eccezionale.

...dal foglio settimanale parrocchiale...

nell'ambito della rassegna culturale Oltre le porte organizzata dal Comune di Santo Stefano di Cadore che per l'edizione 2017 ha come filo conduttore il viaggio in tutte le sue sfaccettature, presentiamo

FRANCESCO VIDOTTO
SI RACCONTA, CI RACCONTA

sabato 15 luglio 2017 presso la Sala della Regola di Campolongo di Cadore - h. 21.00


La serata sarà presentata dalla giornalista Yvonne Toscani. 

L'evento è realizzato in collaborazione con:
- Caffè Letterario Bar 2000
- Cartolibreria Carducci
- Reteventi Provincia di Belluno
- Biblioteca Comunale di Santo Stefano

In allegato:
- comunicato stampa
- manifesto dell'evento 

Siamo lieti di invitarvi a questa serata con Francesco e vi preghiamo di diffondere l'invito ai vostri contatti.
 
Cordiali saluti.
Lara Zandonella Piton

 
Consigliere Comunale
 

 

La sua famiglia ha origini a Costalissoio per poi spostarsi a San Nicolò Comelico.

Gino poi con la sua famiglia si era trasferito a Tai di Cadore.

...hanno partecipato: il Vescovo di Belluno-Feltre mons. Renato Marangoni, l'arcidiacono del Cadore mons. Diego Soravia, i parroci del Comelico inferiore don Paolino,don Clorindo, don Maurizio. La sindaca di S.Stefano, la vicesindaca di S.Pietro, il sindaco di S.Vito di Cadore, il presidente della Magnifica Comunità Cadorina.

Chiesetta di Pramarino stracolma di fedeli. Ha accompagnato la celebrazione con canti la Schola Cantorum di Lorenzago di Cadore.

Una iniziativa di successo organizzata dai Comuni di Santo Stefano e San Pietro di Cadore.

Riportata nella home di questo sito il bel borgo di "Costa Zucco" in Val Visdende, spicca la bella chiesetta che per anni era in stato di abbandono e che nel 2012 è stata restaurata. La storia che si può leggere nel cartello posto accanto è riportata nel testo a lato.

 

CHIESETTA D] SANT'ANTONIO 01 COSTA ZUttO (VAL VISDENDE)

La chiesetta di Sant'Antonio di Costa Zucco venne realizzata dopo il 1850, per volere della famiglia Pontil Scala, cui apparteneva la nonna paterna dei fratelli Cesco Fabbro (Antonio, don Elio, Marcello, Giancarlo e Maria, figli di Arturo ed figa Riva). Nel secondo periodo postbellico il piccolo edificio venne ristrutturato, a seguito di un voto, dalla famiglia di Gennaro De Poi, ritornato molto malato, dopo la drammatica esperienza di prigionia nel campo di concentramento di Buchenwald (1944/1945). Negli anni successivi la chiesetta venne curata e custodita da Arturo Cesco Fabbro.

Benedetta nel 1852, all'interno custodisce una statua di Sant'Antonio, rappresentato con i consueti attributi iconografici. Come in tutte le rappresentazioni antoniane abbiamo la presenza del saio francescano scuro, che ricorda costantemente l'appartenenza del Santo all'ordine come secondo esponente più famoso, dopo San Francesco. Il saio è dnto dalla corda, che rinvia alla povertà, castità ed obbedienza, cioè ai voti che ogni francescano è tenuto a compiere.

In questo caso, inoltre, abbiamo uno dei ritratti antoniani più abituali, cioè quello di un giovane devoto che tiene tra le braccia Gesù Bambino, alludendo a un episodio narrato nel Liber Miraculorum, secondo il quale Antonio avrebbe avuto l'apparizione del Bambin Gesù poco prima della morte, quando era ritirato in meditazione presso Camposampiero. Il Bambino è, con la sua innocenza, ulteriore riferimento simbolico aifépurezza di Sant'Antonio.

Accanto alla statua, anche alcuni gigli rimandano al simbolo di purezza, che compare associato a Sant'Antonio a partire dalla metà del Quattrocento ed introdotto probabilmente per la sua vicinanza a San Bernardino da Siena

L'interno della graziosa chiesetta, molto ben curato come l'esterno, presenta altri interessanti simboli della fede cristiana e una targhetta ricorda tutti i defunti di Costà Zucco e don Elio Cesco Fabbro, che fu molto legato a questo luogo religioso e lo valorizzò fin dai primi momenti trascorsi in seminario. Una strada, quindi, già segnata e sulla quale proseguire per un'ulteriore valorizzazione di quest'angolo, che invita alla riflessione e alla preghiera.

L'intervento di restauro della struttura, effettuato nel 2012, è stato possibile grazie al contributo giunto dalle nove Regole (dei territori comunali di Danta, San Pietro, e Santo Stefano) comproprietarie deUa Val Visdende. Questa sinergia e l'unità d'intenti hanno permesso di trovare i fondi necessari a riportare la cappella votiva al centro della borgata, di cui qualche anno fa si erai occupata ^nche la Regione Veneto, all'interno di uno studio in cui si evidenziava il ruolo avuto, sotto il profilo architettonico, dal piccolo edifìcio religioso, che per lungo tempo si era fatto notare quale unica < struttura intonacato nel contesto dei fabbricati circostanti tutti in legno.

Una interessante guida per chi visiterà il Museo Angiul Sai di Costalta ma anche l'occasione per un approfondimento/ricordo per chi non ha la possibilità di arrivare in paese.

La guida è distribuita "in cartaceo" nella sede ma si può scaricare in formato .pdf  cliccando sull'immagine >>>>

 

...le Amministrazioni Comunali di Santo Stefano e San Pietro di Cadore celebrano il Trentennale della  Santa Messa celebrata da San Giovanni Paolo II il 12 luglio 1987 in Val Visdende ed invitano ad assistere a

               CORO PERALBA e CORO COMELICO in concerto
               sabato 8 luglio - h. 21.00
               Chiesa di Campolongo di Cadore
 
 

appuntamento collaterale alla Messa, che verrà celebrata domenica 9 luglio presso la Chiesetta Madonna delle Nevi in Val Visdende.
 
Certi della vostra presenza, preghiamo di darne diffusione attraverso i vostri canali.

Lara Zandonella Piton

 
Consigliere Comunale 

 

Domenica prossima Assemblea Generale Ordinaria della Regola di Costalissoio.
Ai Regolieri è stato trasmesso il Conto Consuntivo e il Bilancio di Previsione. Pubblicato il Verbale di chiusura anno finanziario 2016.

Dal settimanale "L'Amico del Popolo"....

MOSTRA DEL VOLTO di Cristo - opere di Luigi Regianini

in mostra nella chiesa di Santo Steano dal 1 luglio al 17 settembre 2017

1 luglio ore 16 INAUGURAZIONE

 

           una pagina dedicata - cliccare sull'immagine >>>>

 

 

  Partita la 3 Coste Trail - Edizione Due 2017 - Sabato 01 Luglio 2017

 

 

                        una pagina dedicata-cliccare sull'immagine>>>

Gentilissimi, 
  le Amministrazioni Comunali di Santo Stefano e San Pietro di Cadore celebrano il Trentennale della  Santa Messa celebrata da San Giovanni Paolo II il 12 luglio 1987 in Val Visdende ed invitano al

               CONCERTO della SCHOLA CANTORUM di Lorenzago di Cadore
               domenica 2 luglio - h. 20.45
               Chiesa di Santo Stefano di Cadore
 
 

appuntamento collaterale alla Messa, che verrà celebrata domenica 9 luglio presso la Chiesetta Madonna delle Nevi in Val Visdende.

Si allegano:
- comunicato stampa 
- manifesti eventi
 
Certi della vostra presenza, vi preghiamo di darne diffusione attraverso i vostri canali. 


Per ulteriori informazioni e/o domande, restiamo a completa disposizione.


Cordiali saluti.
Lara Zandonella Piton

 
Consigliere Comunale 
 

 

Dal 1° Luglio 2017 riapre il Museo Regianini

e

sempre dal 1° Luglio importante Mostra  nella chiesa di S.Stefano di Cadore

 

            per una pagina dedicata agli eventi cliccare sull' immagine >>>

Pillole di storia del mese di maggio 2017...

Tratto dal libro "GUERRA E RESISTENZA IN CADORE"

di Walter Musizza e Giovanni De Donà

cliccare sull'immagine >>>

 

Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio

Servizio Centro Meteorologico di Teolo
 

Stazione Costalta
Provincia BELLUNO

Valori giornalieri nel periodo 01/06/2017 - 30/06/2017

 

Data
(gg/mm/aa)
Temp. aria
a 2 m
(°C)
Pioggia
(mm)
med min max tot
30/06/17 12.5 8.0 17.3 3.0
29/06/17 12.3 9.5 17.1 2.0
28/06/17 14.8 10.1 23.1 31.2
27/06/17 16.6 13.3 20.9 0.2
26/06/17 17.2 8.8 24.4 0.0
25/06/17 15.3 11.3 18.9 25.6
24/06/17 21.0 15.1 29.0 0.8
23/06/17 21.6 14.9 28.6 0.0
22/06/17 19.7 11.6 27.9 0.0
21/06/17 17.7 12.3 26.6 4.8
20/06/17 18.2 12.1 27.0 8.6
19/06/17 18.4 12.0 24.3 0.0
18/06/17 16.5 7.7 23.0 0.0
17/06/17 16.4 10.4 23.6 0.0
16/06/17 17.1 11.7 23.0 0.0
15/06/17 17.9 11.0 24.7 2.2
14/06/17 17.3 13.1 23.9 0.0
13/06/17 19.9 14.0 26.8 0.0
12/06/17 18.7 12.1 26.6 0.0
11/06/17 17.3 9.1 24.8 0.0
10/06/17 15.5 9.9 21.6 0.0
09/06/17 14.9 6.5 22.7 0.0
08/06/17 11.1 2.1 19.0 0.0
07/06/17 9.5 4.1 17.2 1.2
06/06/17 11.8 7.6 15.7 9.0
05/06/17 12.3 7.6 18.2 1.6
04/06/17 12.9 7.7 18.2 10.0
03/06/17 15.3 8.3 22.7 0.2
02/06/17 12.9 9.2 21.3 18.0
01/06/17 14.5 10.9 22.6 8.8