Da forcella Dignas (2094) a Croda negra -mt. 2438- - a Col del Roco (mt. 2.342) e  forcella Cecido (mt. 2.292) e ritorno lungo la strada delle malghe. Si tratta del sentiero di cresta quindi classificato difficile e fa parte della "traversata carnica".

Partenza dal bivio casermette/sopra la casera Dignas e ritorno allo stesso punto circa 3 ore.

Una escursione con panoramiche stupende

Per chi arriva a f.lla Dignas e vuole proseguire tre sono le vie: la ferrata per il Palombino (non per tutti), scendere al rifugio austriaco per un ristoro oppure proseguire sulla destra lungo il sentiero della cresta di confine.  Il sentiero ben marcato e se vero che ci che si vede, inteso come panorama, e lo stesso che si visto da altri punti, l'angolazione o la posizione diversa, offre qualche differenza che apprezzata da chi si sente appagato dalla vista e dal contatto con la natura.

Il percorso di cresta interessato...
...il giro proposto...
Panoramica: Cavallino-Palombino-Longerin-Rinaldo-Val Visdende-Peralba.
Dal valico di f.lla Dignas le indicazioni... ...un primo tratto in  salita...
...vista sul passo di Cima Vallona... ...strada delle malghe e la Val Visdende...
... ...la cima di Croda Negra...
... ...resti di postazioni della guerra 15-18 ci accompagnano lungo tutto il tragitto...
...abbiamo lasciato alle spalle... ...di fronte a noi la Croda Negra...
...confine di stato... ...il percorso verso f.lla Cecido...
...sotto di noi Malga Campobon (zoom)... ...
...possibile qualche variante per osservare il lato austriaco... ...riprende la salita - Col del Roco...
... ...qualche sicurezza in caso di bagnato...
...e siamo arrivati a f.lla Cecido... ...vista sulla strada che da Orbertilliach porta a Luggau...
...la discesa verso la strada delle malghe... ...malga Cecido...
...a maggio... ...il passaggio a Malga Campobon...

...la discesa verso il bivio delle casermette.

 

 

 

il percorso per forcella Dignas <<<cliccare